Pages Navigation Menu

VAMPIRES! (mostra collettiva)

VAMPIRES! (mostra collettiva)

DDProject presenta:

VAMPIRES!

LUNGA VITA AI SIGNORI DELLE TENEBRE

mostra collettiva

a cura di Lisa Deiuri / Nanni Spano

in mostra: Cristiano Baricelli, Gabriele Bonato, Lisa Deiuri, Christian Fermo, Samantha Fermo, Wii Houbabi, Officina Infernale, Debora Malis, Andro Malis, Guglielmo Manenti, Roxana Munchen, Massimiliano Muner, Vanni Napso, Paola Ripley Nur, Ugo Pierri, Cristiano Pinzan, Andy Prisney, Alessandro Ripane, Luigi Tolotti, Giada Sancin, Maria Sanquez, Alessandra Spigai, Alessandro Vascotto, Chiara Volponi.

Dopo la Mostra dedicata alla figura del “moderno Prometeo”, il mostro di Frankenstein e complice il duecentenario dell’uscita del primo racconto sui vampiri (Il Vampiro di John.W.Polidori, 1819) vogliamo proseguire l’esplorazione degli archetipi del mondo moderno con “VAMPIRES! Lunga vita ai signori delle tenebre”.

In Europa, fin dall’antichità, il vampiro non smette di affascinare: “La sposa di Corinto” di Goethe (1797), “Christabel” di Coleridge (1800), “Il vampiro” di Baudelaire (1855) sono solo alcuni esempi di poesie sui succhiasangue, tuttavia è con l’avvento del romanzo gotico che la produzione letteraria sul tema aumenta sensibilmente ed è a partire dalle opere di Polidori, Le Fanu (Carmilla, 1872) e Stoker (Dracula, 1897) che si gettano le basi del mito letterario e cinematografico moderno.

I vampiri dell’Ottocento sono esseri affascinanti mairrimediabilmente malvagi. Seduttori che uccidono senza pietà e devono essere annientati, pena il rischio di diventare come loro: forme deviate dell’essere umano, non-morti/non-vivi che se ne fregano delle leggi di Dio e degli uomini.

I vampiri contemporanei, invece, sono più simili a “eroi dark”: il loro essere “belli e dannati” e, soprattutto, “sovversivi” è diventato il cliché rappresentativo della figura, soprattutto al cinema.

Da Nosferatu il vampiro di Murnau (1922), al Dracula di Browning (1931), fino a Nosferatu, il principe della notte di Herzog (1979), Dracula di Bram Stoker di Coppola (1992), The addiction di Ferrara (1995) e terminando con Solo gli amanti sopravvivono di Jarmusch (2013) e What we do in the shadows di Waititi e Clement (2014) – tanto per citare i film più famosi – i vampiri imperversano sul grande e piccolo schermo ormai da un secolo. Una carriera davvero niente male per dei cadaveri ambulanti!

D’altro canto, dicevamo, è proprio nel cinema (e nelle serie TV, come la “storica” True Blood) che il vampiro sfoggia tutto il suo fascino e si staglia come personaggio-simbolo non solo di desideri proibiti e passioni represse, ma anche di tutti coloro che, costretti a nascondersi per sopravvivere, non possono mostrarsi per come sono alla luce del sole. Il Vampiro, inoltre,possiede tutto quello che noi umani vorremmo avere: bellezza, ricchezza, conoscenza e libertà sessuale, e lo possiede “per sempre”…

Nella serata oltre alla presentazione della mostra si terrà il Portrait Party dove sarà allestito un set fotografico professionale e chi vorrà potrà cimentarsi in trucchi e maschere, rigorosamente a tema Vampirs a cura di Vanni Napso.

La mostra sarà visitabile fino al 20 gennaio 2020 e durante il mese seguiranno una serie di eventi collaterali.

Info:
3337245244
staff@ddmagazine.it

Puoi condividere questo post

Share to Facebook
Share to Google Plus
Share to LiveJournal

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.